Sei contro uno per furto di bestiame. «Far west» nelle campagne di Giarre

Ultimi articoli
Newsletter

in manette le persone che hanno così regolato i conti per un furto di bestiame

Sei contro uno per furto di bestiame
«Far west» nelle campagne di Giarre

I fatti accaduti nel gennaio scorso. La vittima, un pastore di 23 anni che aveva rubato delle pecore a un altro allevatore. Il cadavere ritrovato su indicazione di uno degli assassini

di Raffaele Musumeci

In manette gli assassini di Salvatore Buda
In manette gli assassini di Salvatore Buda

GIARRE | Fu una spedizione punitiva, in piena regola, quella avvenuta lo scorso 23 gennaio nelle campagne di Giarre. Una roba d’altri tempi, anacronistica rispetto al 2013, con un furto di bestiame sfociato nel sangue. Come nel far west.

La vendetta matura dopo che Salvatore Buda, pastore di 47 anni, aveva sottratto a un altro allevatore del posto dei capi di bestiame. La vittima del furto, invece di rivolgersi alle forze dell’ordine, aveva preferito rivolgersi a piccoli malavitosi locali, che hanno «sistemato» la faccenda alla loro maniera. Uccidendo Buda, e facendone sparire il corpo.

E chissà per quanto tempo ancora il cadavere dell’allevatore sarebbe rimasto nascosto, se uno degli assassini, Salvatore Musumeci, pregiudicato di 39 anni di Giarre, non avesse confessatu tutto ai carabinieri di Calatabiano il pomeriggio stesso, rivelando il luogo dove il cadavere era stato nascosto, ovvero lo stesso ovile di Buda. Le forze dell’ordine, così, erano riuscite a trovare il corpo del pastore. Ma Musumeci aveva raccontato ai Carabinieri che l’omicidio era avvenuto a seguito di una lite. La realtà emersa dalle indagini, invece, è ben diversa.

Sarebbero stati in sei a costituire la «spedizione punitiva» contro Buda. Sei assassini che all’alba di ieri, su mandato della magistratura catanese, sono stati assicurati alla giustizia.

Mercoledì 17 luglio 2013

© Riproduzione riservata

1416 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: